Una nuova RIVOLUZIONE sessuale? [parte 1]

Dalla riproduzione senza sesso alle relazioni aperte, i nostri atteggiamenti nei confronti del sesso potrebbero evolversi rapidamente nel prossimo futuro, predice lo scrittore Brandon Ambrosino.

Perché facciamo sesso?

Molte delle nostre risposte probabilmente includono un riferimento alla riproduzione. Il sesso è il modo principale per fare bambini.

Ma cosa penseremo del sesso quando non avrà quasi nulla a che fare con la procreazione?

Dalla nascita del primo "bambino in provetta" nel 1978, circa otto milioni di persone sono nate dalla fecondazione in vitro. E il numero potrebbe aumentare notevolmente in futuro man mano che i nostri strumenti per identificare i rischi genetici negli embrioni diventano più sofisticati. "La mia previsione più forte è che in futuro le persone continueranno a fare sesso, ma non così spesso allo scopo di fare bambini", mi dice al telefono Henry T Greely, autore di The End of Sex And The Future of Human Reproduction. "Tra 20 o al massimo 40 anni, la maggior parte delle persone in tutto il mondo con una buona copertura sanitaria sceglierà di concepire in un laboratorio."

Il libro di Greely esplora alcune delle sfide legali ed etiche che deve affrontare la scienza della diagnosi genetica preimpianto (PGD). "Come la maggior parte delle cose, inizialmente ci sarà una buona dose di reazione viscerale negativa, ma col passare del tempo, quando i bambini [nati tramite PGD] dimostrano di non avere due teste e una coda", il pubblico non solo tollererà ma preferirà la riproduzione non sessuale.

E in quel mondo - un mondo in cui i bambini sono fatti in laboratorio; dove la gravidanza per via sessuale è scelta solo da una minoranza di donne; dove l'etica sessuale non ha nulla a che fare con le possibilità procreative - cosa significherà il sesso?

"A cosa serve il sesso?"

Questa è la domanda che David Halperin pone in un saggio provocatorio con lo stesso nome. Il sesso, ragioniamo, deve sempre avere un perché. Tale ragionamento non è necessariamente una cosa negativa. Dopotutto, essere umani significa essere curiosi, intellettualmente ed emotivamente. Sperimentare con il sesso e teorizzare su cosa potrebbe significare sembra molto naturale per animali che trascorrono gran parte del tempo impegnandosi in pensieri filosofici.

Biologicamente, c'è un ovvio perché del sesso umano. Facciamo sesso perché soddisfa le pulsioni biologiche, comprese le pulsioni necessarie per procreare e formare una coppia. In realtà, questi sono i due perché della tradizione occidentale, entrambi organizzati attorno a un telos, o obiettivo finale.

Come ho scritto in un precedente articolo, sono stati gli stoici che, nel tentativo di frenare l'autoindulgenza, hanno cercato di adattare il sesso a uno schema di significati: indulgere nel piacere del sesso andava bene fintanto che era allo scopo di fare bambini. Questa etica si è fatta strada nella tradizione cristiana, notoriamente attraverso Agostino, e continua a esercitare un'enorme influenza in Occidente. Secondo questa visione, il sesso è etico quando viene praticato principalmente per la procreazione. (Per chiarire, sebbene questo sia presentato come un'etica cristiana, le sue origini si trovano altrove. In effetti, il libro biblico Canzone di Salomone celebra il sesso selvaggio, passionale ed erotico tra due amanti - non tra marito e moglie, anche se in seguito i commentatori cristiani interpretarono erroneamente la poesia).

L'altro importante motivo per cui facciamo sesso viene da Aristotele, come sottolinea Halperin. In uno scritto del IV secolo a.C., il filosofo greco offre il seguente sillogismo:

“Essere amati, quindi, è preferibile al rapporto sessuale, in base alla natura del desiderio erotico. Il desiderio erotico, quindi, è più un desiderio di amore che di un rapporto sessuale. O il rapporto sessuale, quindi, non è affatto un fine o lo è per il bene di essere amato”.

Per Aristotele, come spiega Halperin, “L'amore è il telos del desiderio erotico. Non è l'amore che mira al sesso come obiettivo... È il sesso che mira all'amore. ”La vera ragione per cui facciamo sesso, secondo la prova di Aristotele, non è perché vogliamo fare sesso, ma perché vogliamo amare ed essere amati. Il sesso non riguarda qualcosa, ma qualcos'altro, qualcosa di più alto, qualcosa di più nobile.

Come molte persone, Aristotele dà per scontato che il sesso e l'amore vanno di pari passo, ma non cerca mai di dimostrare la solidità di questa ipotesi. Ciò che dimostra, tuttavia, almeno mentre lo legge Halperin, è che "il sesso non è lo scopo finale del desiderio erotico". E se è così, allora Halperin pensa che la domanda più interessante da porsi non riguardi la relazione tra sesso e amore, ma la sorprendente relazione tra sesso e desiderio erotico. Se Aristotele ha ragione, allora il sesso non ha uno scopo erotico - il suo vero scopo è altrove. In breve, il sesso in realtà non riguarda il sesso.

Perché facciamo sesso allora? Per procreare, certo. Per legarci, sicuramente. Ma quelle sono solo due delle molte risposte possibili. Come molti fenomeni culturali, il sesso supera il suo perché. Pensate al cibo. Dal punto di vista della sopravvivenza, ha senso che mangiamo e che mangiamo insieme - dopo tutto, è stato vantaggioso per i nostri antenati mettere in comune le loro risorse (più per il nostro gruppo significa più per me). Ma quando passiamo alla cultura culinaria contemporanea - hamburger conditi con trucioli d'oro, conti alimentari Instagram, pagine web sulla cucina, happy hour con i colleghi - diventa sempre più difficile capire lo scopo esatto della nostra relazione col cibo. La differenza tra noi e molti animali non umani è che ci divertiamo regolarmente a fare cose inutili. Le facciamo perché ci divertiamo, perché partecipare a tali attività ci porta piacere. È possibile, scrive Halperin, che "l'atto sessuale abbia senso solo quando non ha senso...continua al prossimo articolo

[di Brandon Ambrosino per BBC Future]