Una nuova RIVOLUZIONE sessuale? [parte 2]

Forse è il momento di ammettere che il divertimento è la ragione principale per cui molti di noi fanno sesso.

La pillola è stata rivoluzionaria su questo fronte: in un articolo del Readers Digest del 1968, l'autore Pearl Buck dichiarò "Tutti sanno cos'è la pillola. È un piccolo oggetto - eppure il suo potenziale effetto sulla nostra società è ancora più devastante della bomba nucleare". Come molte idee di molti conservatori, l'argomento di Buck sembrava essere quello che il sesso senza un fine di procreazione avrebbe significato la fine della civiltà.

I ricercatori hanno notato cambiamenti radicali nella percezione pubblica del sesso a partire dagli anni '60. In un articolo del 2015, Jean M. Twenge, professore di psicologia alla San Diego State University, ha esaminato gli atteggiamenti americani nei confronti del sesso dagli anni '70 al 2010. La sua conclusione: "Tra il 1970 e il 2010, gli americani sono diventati più positivi verso il sesso non coniugale".

Coerentemente con la ricerca che ha riscontrato una riduzione dell'orientamento religioso e un aumento dei tratti individualistici, un numero maggiore di americani ritiene che la sessualità non debba essere limitata dalle convenzioni sociali. Le generazioni recenti hanno un numero significativamente più alto di partner sessuali fanno più sesso occasionale rispetto a quelli nati prima nel XX secolo.

Twenge sottolinea che all'interno di una popolazione, gli atteggiamenti possono ancora variare per molte ragioni (a seconda dell'età, della razza, del sesso, delle credenze religiose ecc.), ma la ricerca mostra che "si sono verificati cambiamenti generazionali significativi negli atteggiamenti e nei comportamenti sessuali" nel tempo.

Le nostre opinioni sul sesso sono quindi il prodotto della nostra posizione in un determinato momento e luogo. La nostra etica sessuale non è senza tempo: si è evoluta e continuerà ad evolversi. Forse molto più rapidamente di quanto siamo preparati.

Cosa c'è di naturale?

Come ogni fenomeno umano, l'attività sessuale viene da lontano. Siamo arrivati ​​alle nostre pratiche e attitudini sessuali ed etiche attraverso un lungo e tortuoso viaggio dagli animali che ci precedono, un viaggio che risale alla prima vita nell'universo.

Ma anche se ci concentriamo sulla nostra specie, troviamo molte prove che alcune idee tradizionali sul sesso sono meno naturali di quanto pensassimo. Una volta ho sentito un predicatore evangelico americano condannare l'omosessualità con quello che alla sua congregazione sembrava essere uno scherzo divertente. "Non dovrei ricordarti che due uomini non dovrebbero stare insieme. Persino gli animali da cortile lo sanno! "Ciò che il pastore stava sostenendo era che l'omosessualità è innaturale, motivo per cui gli animali non la praticano.

Tranne che la praticano! Macachi giapponesi, moscerini della frutta, coleotteri della farina, albatri, delfini tursiopi - queste sono solo alcune delle oltre 500 specie di cui si osserva l'omosessualità, come ha scritto Melissa Hogenboom per la BBC.

A dire il vero, gli animali non si identificano come gay, ma nemmeno si identificano come non gay. Il che ci porta al fatto estremamente ovvio ma raramente considerato - che gli umani, almeno nell'ultimo secolo, si sono definiti in base al tipo di sesso che fanno. Il sesso eterosessuale ha finito per significare qualcosa; in particolare, il suo significato è stato costruito in opposizione al sesso omosessuale. Proviamo a porci una domanda come quella che Jonathan Ned Katz fa in The Invention of Heterosexuality: "Chi ha avuto interesse a dividere il mondo in eterosessuali e omosessuali?"

Quanto tempo continuerà a reggere la separazione etero/homo? Un sondaggio YouGov del 2019 ha rilevato che quasi quattro millennials su 10 non si identificano come "completamente eterosessuali". Ciò probabilmente dice meno sul cambiamento degli orientamenti sessuali di quanto non faccia sul mutevole significato di tali orientamenti. In poche parole, oggi è probabilmente meno importante di quanto non fosse trent'anni fa definire la propria identità in base all'attività sessuale. In un mondo in cui l'orientamento e l'attività omosessuale sono ampiamente accettati come una varietà sana e naturale della sessualità umana, non è più molto importante formare un'identità pubblica basata su pratiche sessuali.

Forse più separiamo il sesso dal suo perché, meno persone penseranno a ciò che gli atti sessuali potrebbero significare e in che modo questi contribuiscano all'identità di un individuo. ...continua al prossimo articolo

[di Brandon Ambrosino per BBC Future]